Fazio – Collina: scontro di civiltà

Da anni ormai si parla spesso di scontro di civiltà, quasi sempre a sproposito. Questa estate invece, a dispetto della solita alluvione di notizie idiote, ci ha messo davanti agli occhi un esempio illuminante di scontro di civiltà, capace, ma solo per chi non fa orecchie da mercante, di spiegarci cosa significa veramente questa espressione: Antonio Fazio e Pierluigi Collina. Fazio è stato preso con le mani nella marmellata: intercettazioni telefoniche ordinate dalla magistratura, curiosamente (casualmente? disgraziatamente? appositamente?) rese pubbliche, hanno rivelato l’esistenza di accordi sottobanco con la Banca Popolare Italiana per forzare l’esito della scalata alla Banca Antonveneta.
Fazio che, è bene ricordarlo, come governatore della Banca d’Italia è il controllore delle banche, e ha quindi il compito fondamentale di verificare la correttezza formale e sostanziale del loro operato. Controlli che sono stati regolarmente eseguiti da due ispettori, i quali ora si trovano a loro volta sotto inchiesta, su richiesta dello stesso Fazio, per aver dato parere contrario all’operazione. Cioè per aver fatto il proprio dovere.
E’ un po’ come se l’arbitro di una partita si mettesse d’accordo con una delle squadre per farla vincere. Già, a proposito di arbitri…

Collina, arbitro di calcio nazionale ed internazionale, uno di quelli che tutto il mondo ci invidia, ha commesso, forse per la prima volta nella sua carriera, una leggerezza: ha firmato un contratto di sponsorizzazione con la Opel, quella stessa Opel che sponsorizza il Milan. In Gran Bretagna (e non solo) succede da anni e nessuno si scandalizza. In Italia la FIGC ha detto a Collina “O lasci quel contratto o non arbitri più”. Secondo loro c’è un conflitto di interessi.
Collina, che evidentemente è persona seria e merita la fama che si ritrova, ha risposto che se non c’è fiducia nei suoi confronti non può fare l’arbitro, e si è dimesso.
Non ci posso credere! Si è dimesso!!!
Ebbene sì, incredibile a dirsi, ma in Italia c’è ancora qualcuno che si dimette.

Fazio non ci pensa affatto a dimettersi. Lui che in un colpo solo ha sputtanato sé stesso, la Banca d’Italia e tutta l’Italia, di fronte al mondo intero, se ne guarda bene dall’andarsene a casa. Perchè lui sa molto bene, a differenza di Collina,che in Italia se non hai un conflitto di interessi non sei nessuno.

A questo punto, se qualcuno ancora si chiede cosa c’entri Fazio con Collina, che probabilmente non si conoscono neppure, provi a rispondere a questa domanda: che cos’è la civiltà?
Il dizionario De Mauro risponde così: “l’insieme delle caratteristiche materiali, sociali e culturali che identificano un popolo, specialmente relativamente a una data epoca, area o fase di sviluppo”.
Fazio e Collina rappresentano due civiltà contrapposte. Da un lato il rispetto delle regole, la serietà, il coraggio di fare delle rinunce pur di rimanere fedele ai propri principi; dall’altro il disprezzo delle regole, la ricerca esclusiva del proprio tornaconto, la rinuncia al rispetto e alla fiducia altrui.
Sono due modi nettamente diversi di pensare e di vivere, due atteggiamenti esclusivi ed incompatibili. Due civiltà.

Fazio e Collina hanno scelto, ora tocca a noi; a ciascuno di noi l’onere di scegliere in quale civiltà vogliamo vivere. E non ci sono mezze misure, nessun compromesso è possibile a questo livello, perchè stiamo parlando dei principi fondatori di una civiltà. Si sta da una parte oppure dall’altra, ed è una scelta, qualunque sia, che porta una conseguenza immediata: guerra.
Una guerra tra chi rispetta le regole e chi se ne frega, perchè scegliere una di queste posizioni rende automaticamente intollerabile l’altra.
L’alternativa è il limbo, la posizione di chi non sceglie, chi pensa che tanto non cambierà niente, chi si accontenta di tirare a campare, chi accetta di essere messo sotto i piedi dal prepotente di turno, chi non cerca un mondo migliore.

PS: Beppe Grillo, tramite il suo blog ha lanciato un’iniziativa per pubblicare un invito alle dimissioni di Fazio. Pleonastico.it si associa a questa iniziativa ed invita i suoi partecipanti a fare altrettanto.

2 thoughts on “Fazio – Collina: scontro di civiltà

  1. Visto che si parla di civiltà mi ripeto:

    …e ignorare le persone che sviluppano Xoops gratuitamente, cancellando i footer e ogni link a loro riferito, è un atto di civiltà?

    Cheers